Luogo di forza - Santo Spirito

kirche-kasern-alfred-stolzlechner

Riposarsi, ritirarsi, lasciare la vita di tutti i giorni alle spalle, lasciare vagare la mente. Fare vacanze per il corpo e la mente nel mezzo di un paesaggio primaverile incomparabile. 

Un luogo ideale per questo è Santo Spirito, il piccolo villaggio alla fine della Valle Aurina, circondato a tutti i lati da maestose vette e dal confine austriaco. Già secoli fa è stata trovata un'energia particolarmente positiva nei dintorni dello "Schliefstein" – una grande roccia. Ecco perché la leggendaria Chiesa dello Spirito Santo è stata costruita qui. Secondo la convinzione uno potrebbe liberarsi dai suoi peccati passando attraverso lo stretto spazio tra la chiesa e il grande sasso. E così, la piazza attorno alla chiesa e la pietra sono ancora oggi un noto luogo di potere.

 

Kasern © Alfred Stolzlechner

Chiesetta: 

Santo Spirito è un paesino miracoloso, beatificato dalla storia e dalla fede di tante generazioni al fondo della valle a Casere.Non si sa quando fu costruita la prima chiesetta dedicata ai molti viaggiatori che utilizzavano il Krimmler Tauern soprattutto per arrivare nel Pinzgau e a Salisburgo.Comunque è sicuro che nel 1455 fu il cardinale Nikolaus Cusanus di Bressanone a consacrare la chiesa e il cimitero, che era necessario per la gente che moriva passando le Alpi e per i lavoratori della miniera di Predoi.
Già nel 1500 la chiesa fu ingrandita.Negli ultimi 10 anni sono state eseguite molte opere di restauro. Sfortunatamente, per ragioni di sicurezza, fu necessario rimuovere le opere d'arte. Anche l'immagine di pellegrinaggio è stata messa al sicuro per qualche anno, ma nel 1981 è ritornata nella chiesa, salvaguardata da una protezione e sottolineata, nella sua importanza, da una corona.

La croce
La croce perforata è l’oggetto più famoso di questa chiesa. Ca. 200 anni fa si trovava sul sentiero vicino il maso Prastmann.Si dice che un tiratore, in viaggio nel Pinzgau per una competizione di tiro, volesse provare la sua precisione e quindi perforò la croce tre volte. Nel Pinzgau vinse il primo premio, un toro, e felice se lo portò a casa. Passando dalla croce, la bestia si infuriò e uccise il tiratore.

menu-1menuclosearrowsbackstardown-arrowsearchcloud-3sportsbagfavoritecalendarcloud-2snowflakecloud-1check-symbolpdf-filecorrect-symbolcloudvertexsleet-1storm-2sleetrainstorm-1stormtransportdouble-bedropeyoutubecomputerbellwordpresstwitterfacebookcable-car-cabinsignerrorslippersshining-sunplay-button